di Marzio Mellini

Alcune associazioni regionali si dicono in difficoltà e hanno chiesto aiuto. Sportpress ribadisce il proprio ruolo (che non è quello di risolvere problemi interni) e suggerisce l’idea di una fusione per tamponare l’emorragia di affiliati e di colleghi disposti a entrare in comitato
In occasione dell’assemblea dei delegati di Gienvra dello scorso novembre, le Sezioni di Argovia, Basilea campagna, Basilea Città, Bienne Seeland, Giura e Soletta hanno sollecitato Sportpress.ch affinché studiasse delle soluzioni volte a migliorare la situazione di crisi in cui versano le suddette associazioni, che lamentano – come molte altre, del resto – la disaffezione dei soci, lo scarso riscontro nei colleghi più giovani, il calo dei tesserati e le difficoltà nel convincere i colleghi a entrare in comitato assicurandone la continuità.
In risposta a tale richiesta, Sportpress ha analizzato la situazione e deciso di invitare tutte le Sezioni a fare il punto sulle questioni sollevate dai firmatari. Ne è uscito un quadro abbastanza preoccupante, anche se non si tratta di problemi nuovi, bensì di questioni aperte da tempo. Posto che da alcune Sezioni sono comunque giunte notizie confortanti (buon numero di soci, situazione finanziaria a posto).
Raccolte le informazioni del caso, Sportpress ha inviato un documento in cui da un lato si spiega chiaramente che non è compito dell’associazione cappello risolvere problemi interni alle singole Sezioni, le quali sono chiamate a chinarsi sulle rispettive difficoltà apportando i correttivi che meglio credono ; d’altro canto, però, in quanto rappresentante di tutte le Sezioni, Sportpress ha voluto dare un paio di suggerimenti. È stato soprattutto chiesto di prendere in considerazione l’idea di una fusione tra Sezioni in difficoltà, ragionando in termini più ampi rispetto a quanto si è sempre stati abituati a fare in passato. Una fusione è consentita dagli statuti, Sportpress non solo non la potrebbe impedire, bensì la caldeggia, se dovesse essere utile ad associazioni la cui sopravvivenza è in pericolo.
I firmatari della presa di posizione che ha ‘scatenato’ il dibattito’ hanno rispedito al mittente la proposta di Sportpress, ritenendola affrettata, superficiale e non rispondente alle richieste avanzate. Sportpress, dopo aver ribaduto che le Sezioni godono di ampia libertà, ha stigmatizzato il fatto che la proposta di una fusione sia stata scartata a priori (la sensazione, più che una sensazione, è che in ballo vi siano personalismi che prevaricano il bene stesso delle Sezioni coinvolte).
La discussione è aperta, il tema sarà trattato in occasione dell’assemblea dei presidenti del 25 ottobre prossimo.