Il cambio al vertice con il relativo passaggio di consegne di un anno fa – da Americo Bottani a Tarcisio Bullo – e l’intensa attività relativa al primo anno del nuovo corso dell’Associazione ticinese giornalisti sportivi (Atgs) promosso con un comitato rinnovato quasi per intero, sono stati i temi forti dell’Assemblea generale ordinaria dell’Atgs, ospite sabato della suggestiva cornice delle Cantine Delea, a Losone.

Dopo il saluto affidato al municipale di Losone Fausto Fornera, Tarcisio Bullo ha ricordato Rinaldo Giambonini e Ulisse Carugati, ex presidenti dell’Associazione, venuti a mancare nel corso di un anno che ha visto l’Atgs parecchio impegnata nell’organizzazione e nella conduzione dei corsi di giornalismo sportivo, rivisti, corretti e rilanciati in accordo con SportPress, l’associazione mantello a livello nazionale.
Grande successo ha riscontrato la serata dedicata al 70esimo dalla fondazione, a Magliaso: un incontro conviviale e molto apprezzato dai soci. L’Atgs intende riproporlo annualmente, seppur in forma più “snella”, sempre a ridosso delle festività natalizie, sfruttando la data del 7 dicembre.
I soci presenti all’assemblea, una trentina, hanno anche approvato i conti e dato scarico al comitato della gestione 2016: finanziariamente, l’anno chiude con un passivo di poco inferiore ai 5000 franchi, risultato che non va ad intaccare il solido patrimonio dell’Associazione.
Nei piani dell’Atgs, anche il rilancio del sito internet, da adattare alle nuove esigenze di un’associazione che intende coinvolgere maggiormente i propri soci, la cui identificazione è ritenuta un po’… pigra.
Al capitolo onoreficenze e premiazioni, va ricordato che dieci anni di appassionata presidenza sono valsi ad Americo Bottani la prestigiosa nomina a socio onorario. Il premio “Giuseppe Albertini” (assegnato a un calciatore ticinese emergente) è stato attribuito a Nikola Milosavljevic, giovane prodotto del calcio ticinese, passato al Sion in Super League attraverso le esperienze con il Lugano e con il Chiasso. Premi al “Merito sportivo” ad Anna Gabutti, attiva nel mondo del freestyle e della Federsci regionale, Fulvio Castelletti, per il suo impegno a favore della ginnastica, e a Daniele Piona, anima e tuttofare del Rapid femminile di calcio (oggi Lugano 1976).