Domenica 17 aprile, in occasione della partita di Super League tra Lugano e Thun, l’ATGS per mano del suo vice presidente Marzio Mellini e della collega di comitato Serena Bergomi, ha potuto consegnare al giovane attaccante della compagine bernese Simone Rapp, nato il 1. ottobre del 1992 e calcisticamente cresciuto in Ticino, il Trofeo Giuseppe Albertini valido per l’anno 2015.

Figlio dell’olimpionico Marco e dell’ex-atleta Michela Pura, Simone ha esordito con la maglia del Locarno sotto la guida di Davide Morandi. Ad inizio del 2013 lo volle il Basilea, che lo parcheggiò nella sua U21, fin che il ragazzo, smanioso di giocare, non accettò la proposta del Wohlen, squadra per la quale si è messo in evidenza segnando molti gol in Challenge League.

Quando Ciriaco Sforzo approdò sulla panchina degli argoviesi, Rapp divenne un titolare inamovibile e non a caso lo stesso Sforza, una volta accettata la panchina del Thun, volle portarsi dietro anche Simone, il quale non ha impiegato molto tempo a farsi notare nella nuova categoria. Una progressione continua, dunque, quella del giovane attaccante locarnese, che giustamente è stato insignito del premio dedicato al principe del microfono ticinese (e non solo…), il compianto collega Giuseppe Albertini, che come Rapp da giovane indossò la maglietta del FC Locarno.